#Driving experience
Peter Fill al volante dei modelli Audi Sport
di Redazione Audi experience del 01.06.2016

“Devo dire che, a bordo dell’Audi, si fa un po’ meno fatica che sugli sci”: inizia così il racconto adrenalinico di Peter Fill, campione di sci italiano, invitato dalla Casa dei quattro anelli a Imola per vivere una esclusiva Audi Sport delight driving experience.

Nella cornice dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, Peter ha testato le performance sportive di Audi R8 plus e RS7, e si è ritrovato perfettamente nella parte del pilota di auto da corsa: “L’approccio al circuito, a bordo di una RS7 o di una R8 plus, non è poi così diverso da quello che succede sulle piste della Coppa del mondo di sci. Si tratta di impostare bene le curve, per uscirne con la massima velocità, di sapere spingere al momento giusto e scegliere la traiettoria migliore.”

Non si tratta perciò “solo” di guidare una macchina, ma di “sentirla” come prolungamento del proprio corpo, a cominciare dal motore, le ruote e la carrozzeria, e di cercare di portarla al limite per testarne le capacità.

L’adrenalina rimane sempre la protagonista, che si tratti di automobili sportive o di discipline invernali: “Situazioni diverse che hanno molti punti in comune, a partire dall’adrenalina che ti spinge, sempre mantenendo il massimo controllo, a cercare di avvicinarti al limite e ad abbassare sempre più il crono.”

Peter ha ottenuto una performance eccellente in pista, grazie alle sua passione e alla sua grande preparazione atletica, che sta alla base di una guida sicura e divertente: “Io sono un agonista, sono abituato ed allenato ad esprimere la miglior performance, ed è quello che inseguo sempre. E non si deve pensare che anche in fatto di preparazione le cose siano molto differenti. Per affrontare le più difficili piste da sci della discesa mondiale ci vuole una preparazione perfetta, bisogna che il fisico sia a posto in ogni dettaglio e bisogna esprimere forza, controllo e velocità. Il tutto condito dal giusto coraggio.”

Sport e motori, dunque, non sono mondi così lontani come sembrano: “Però, vi assicuro, che anche portare una R8 è sport vero. Non si può guidare ad alto livello se non si ha la preparazione adatta. Quindi, anche in questo caso, la condizione atletica da sciatore mi è di grande aiuto.”